29 giugno 2005

L'ANM: giornata triste per il Paese
"E' una giornata triste per la giustizia e per il paese". Cosi' l' Associazione Nazionale Magistrati commenta l' approvazione in Senato della riforma. "Il Senato - dice la giunta esecutiva centrale - sostanzialmente senza alcuna discussione, approva una pessima contro-riforma dell'ordinamento giudiziario per larghi versi incostituzionali e inapplicabile, che non risponde ai rilievi del Capo dello Stato e che provocherà gravissimi danni all' organizzazione giudiziaria, impedirà il regolare funzionamento dell' autogoverno, diminuirà l'indipendenza, interna ed esterna della magistratura, contribuirà ad una ulteriore dilatazione dei tempi dei processi, inciderà sulla vita professionale quotidiana dei magistrati". Secondo i vertici del sindacato delle toghe "i profili di ingestibilità della contro-riforma, inutilmente denunciati dall'Associazione,
provocheranno una sostanziale paralisi dell' apparato giudiziario. Il diritto dei cittadini ad una giustizia rapida, efficiente e indipendente viene ulteriormente compromesso. Il Paese ha bisogno di riforme che rendano ragionevole la durata dei processi, per la tutela dei diritti di ciascuno". L' Anm auspica" che la Camera dei deputati voglia approfondire i temi che la magistratura e la cultura giuridica hanno posto, anche nelle recente manifestazione del 25 giugno scorso, ed esaminare le proposte che l'Associazione ha formulato per ciascuno dei punti toccati dalla riforma, facendo prevalere l'esigenza di un esame sereno e completo del progetto di legge, che è mancato nei lavori del Senato". La Giunta Esecutiva Centrale sta procedendo agli adempimenti formali per la indizione dello sciopero dei magistrati per la giornata del 14 luglio 2005. "In tal modo - conclude - la magistratura italiana intende esprimere il dissenso più fermo e la protesta piu' netta per il contenuto della proposta di contro-riforma e per il metodo adottato nell' approvarla".

Secondo me:


Dopo queste dichiarazioni quello che mi chiedo è se sia possibile che il potere legislativo invada il compito del potere giudiziario… dopo tutti questi anni siamo sicuri che la democrazia sia in atto? Siamo sicuri che tutto non sia classicamente mascherato? Forse mi sbaglio, soffro di manie di persecuzione.. scusatemi.Dato che siamo in un paese, forse l’unico, in cui le leggi sono liberamente interpretate da chi ha il compito di giudicare…è giusto che vi sia un bella riforma.. per accelerare i tempi, per consentire più accessibilità al servizio, ma non per strumentalizzare un ordinamento quale la magistratura… scusate veramente, non capisco.Non voglio scendere nel dettaglio della riforma poiché non ho ne la conoscenza ne i mezzi per farlo. Mi dispiace solo che tutto ciò che sta accadendo è sempre più la prova concreta che la democrazia è un fantasma ricercato da molti.

Contesto questa legge perché è la dimostrazione di questi anni, di questo governo, di chi ha fatto ormai missione della distruzione della giustizia non rispondendo ai problemi dei cittadini ma solo cercando di risolvere i problemi di pochi con nome e cognome.

L'approvazione offende il capo dello Stato perché non accoglie le sue raccomandazioni. E' una legge che colpisce ancora una volta 'autonomia della magistratura e lede il diritto dei cittadini. Sono stanco.

Valerio


LaNormaleDisonestàDelCalcio BenedettaMatura AdrianoSofriLibero! Sappiamo che la musica aiuta a strutturare il pen... Oggi il nostro servizio di informazione non andrà ... PisanuOrdina:"ChiudiamoLeFrontiere!" 12Giugno:VinceL'Astensionismo 1° QUESITO: RICERCA SULLE CELLULE STAMINALI Il qu... DelirioNotturnoN.1 DomaniSpecialeSpleenBlogReferendum

Powered by Bloggerhit counters            BlogItalia.it - La directory italiana dei blogFeed XML offerto da BlogItalia.it Blogwise - blog directoryBlogwise - blog directory