28 maggio 2005

PensarMaleE'PeccatoMa...


Dati del traffico internet sono al centro di un forte interesse da parte dei governi
italiano, francese, inglese e, manco a dirlo, statunitense, i quali stanno
cercando in ogni modo di legalizzare la data-retention (vedi la

proposta
in tal senso presentata in sede europea ) e di costringere gli Isp
a comunicare le informazioni relative ai loro utenti anche senza
l’autorizzazione della magistratura (come impone, in Italia, la
famigerata “Legge Urbani”
).


Simili tentativi – basati sull’onnipresente e spesso strumentale “spauracchio”
della “lotta al terrorismo” – violano palesemente i diritti costituzionali dei
cittadini. Ma mentre da queste parti nessuno sembra essersene accorto, negli USA
un magistrato newyorkese ha pronunciato una decisione clamorosa che sconfessa il
Patriot Act, la draconiana normativa antiterrorismo emanata a seguito
dell’attentato alle Twin Towers, e che l’Italia ha “clonato” con un
provvedimento analogo, il

decreto legge 374/01
.

Il caso è sorto quando un Isp americano si è visto anticipare per telefono e poi
recapitare una National Security Letter (un

esemplare
è reperibile sul sito dell’American
Civil Liberty Union
) proveniente dal FBI che gli imponeva, sulla base del
Patriot Act, di consegnare determinate informazioni in suo possesso e legate
all’attività internet di terze parti, vietandogli, nello stesso tempo, di
comunicare il fatto a chicchessia.


Ma invece di abbassare la testa e di eseguire l’ordine ricevuto, l’Isp si è rivolto
alla American Civil Liberty Union (ACLU, storica associazione americana che si
occupa dei diritti civili) e insieme ai suoi legali ha spiazzato il governo
americano citandolo in giudizio per chiedere al giudice di bloccare quella che,
secondo ACLU, era un’ inaccettabile violazione del primo (che protegge la
libertà di parola) e del quarto emendamento (che vieta le indagini non
autorizzate) della Costituzione americana.


Dopo una battaglia legale molto aspra, il 28 settembre 2004, il giudice Victor
Marrero, del Distretto meridionale della Corte distrettuale di New York, con una

decisione
di ben 122 pagine, ha vibrato un colpo pesantissimo al sistema di
investigazioni adottato da FBI sulla base del titolo 18 art. 2709 United States
Code. In sintesi, la decisione stabilisce che, senza un ordine del giudice, i
“fed” non possono accedere ai dati degli utenti di un Isp e non possono nemmeno
imporre all’Isp di mantenere per sempre il segreto sulla “visita di cortesia”.


Può sembrare, quella del giudice Marrero, una considerazione tanto scontata da
essere addirittura banale. Ma non è affatto così, visto che sulla base di questa
norma, infatti, l’attività informativa degli agenti del FBI era praticamente
sottratta a qualsiasi controllo anche successivo ed era, in concreto, gestita in
modo del tutto autonomo dal potere giudiziario. Bastava semplicemente compilare
una “National Security Letter” dai toni particolarmente “espliciti” e il gioco
era fatto.


E a questo proposito, scrive il giudice, poco importa se l’imposizione del segreto e
di tutto il resto non poteva essere esercitata coattivamente dal FBI in caso di
rifiuto dell’Isp. Ciò che conta è che i toni impiegati fossero talmente
“minacciosi” da indurre all’obbedienza anche in assenza di reale obbligo di
legge (vedi le pagine 68 e 69 della decisione).


In sintesi, conclude il giudice, l’art. 2709 del Patriot Act deve essere invalidato
perché “ha l’effetto, in casi tutt’altro che eccezionali, di consentire ricerche
coercitive efficacemente immuni da qualsiasi controllo giudiziario, in
violazione del Quarto Emendamento”.


Fuori da ogni ipocrisia, inoltre, il giudice si pone il problema che le norme in
discussione consentirebbero troppo facilmente di essere usate per fini diversi
da quelli di lotta al terrorismo, ad esempio per schedare appartenenti a fazioni
politiche, o per accedere a informazioni protette dal segreto professionale,
violando il diritto all’anonimato degli utenti i cui dati sono stati acquisiti.



“Solo un giudice sarebbe definitivamente in grado… di stabilire il punto di
equilibrio fra gli interessi contrapposti”… Già, solo un giudice sarebbe in
grado di farlo; e allora speriamo che chi, in questo periodo, sta riscrivendo la
legge Urbani sul peer-to-peer o chi si sta occupando di recepire in Italia il
trattato sul crimine informatico, se ne ricordi e decida di stare dalla parte
del diritto, invece che da quella degli interessi di “bottega”.


Spero che questo sito non venga perseguitato, ne ricercato ne discusso…
altrimenti rischiamo un processo per terrorismo culturale….



Valerio


DuroInterventoDiMontezemolo UnAttoPatriottico QuandoL’UnioneSiDisunisce Iofumodasolo stasera si posta

Powered by Bloggerhit counters            BlogItalia.it - La directory italiana dei blogFeed XML offerto da BlogItalia.it Blogwise - blog directoryBlogwise - blog directory